costo denaro

Costo Del Denaro e Mutui

Costo Del Denaro e MutuiLa “pesantezza” delle rate del mutuo è definita anche in base al Costo del Denaro. Vediamo insieme come esso si determina e come incide, appunto, anche sui mutui bancari.

 

Cos’è e come di definisce

E’ sicuramente doveroso iniziare con una definizione del costo del denaro: capire cos’è  importante per comprendere anche come incide sui mutui. Il costo del denaro è stabilito per “convenzione” dalle banche centrali sulla base dell’andamento di due importanti indici di riferimento rappresentati dall’Eurirs e dall’Euribor: essi sono i “tassi ufficiali di scambio” a cui le Banche fanno riferimento per tutte le operazioni interbancarie. E’ dal 2000 che essi sono presi come punto di riferimento per determinare il valore del denaro in relazione all’erogazione dei mutui.
Aggiungiamo, però, come dal 2008, per tutti i Paesi della Comunità Europea, è preso in considerazione anche il Tasso BCE che è determinato in base dalla BCE (Banca Centrale Europea).

 

Costo del denaro e Mutui

L’incidenza che il valore del denaro ha sui mutui è direttamente proporzionale all’aumento della rata da pagare, soprattutto per i mutui a tasso variabile.
L’andamento dei mercati e notizie di crescita del costo del denaro, quindi, devono far riflettere molto bene sulla convenienza di scegliere un mutuo a tasso fisso o variabile: se il primo, da un lato, prevede rate più salate, dall’altro protegge da sbalzi del valore del denaro. La scelta di un mutuo a tasso variabile, se da un lato permette di partire con rate basse, dall’altro ci espone proprio alle variazioni del mercato, dei tassi Euribor ed Eurirs e del costo del denaro.  Ad esempio, per un mutuo del valore di 100 mila euro, una crescita di un punto % si traduce in un aumento della rata variabile dai 10 ai 15 euro (in base alla durata del mutuo).
Va da se, in sostanza, che il valore del denaro inficia direttamente sul costo generale di un prestito: ogni cliente deve pagare di più per ottenere la somma di cui ha bisogno attraverso tassi d’interesse maggiorati in base alle regole del mercato.

Ti può interessare anche:  Fisco: maxi rottamazione estiva per la ‘pace fiscale’

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *