calcolo ammortamento

Calcolo Ammortamento: comprendilo, prima di eseguirlo

Calcolo AmmortamentoCalcolo Ammortamento: comprendilo, prima di eseguirlo

Il calcolo ammortamento è un passaggio fondamentale per capire la reale fattibilità di un prestito (il mutuo) tra noi è una determinata Banca. Per comprendere com’è svolto e cosa comporta l’ammortamento è bene conoscerne le regole.

Definiamo l’ammortamento
Il calcolo ammortamento, in riferimento al mondo bancario, consiste nella definizione del cosiddetto programma di “estinzione del credito” nei confronti di un Istituto. In sostanza, noi clienti che chiediamo e otteniamo un mutuo, dobbiamo impegnarci a estinguere tale prestito, ossia il debito accumulato nei confronti della Banca.

Lo redigiamo preventivamente
Provare a prevedere il calcolo ammortamento relativo a un mutuo che siamo in procinto di accendere è fondamentale per “conoscere” in anticipo cosa ci comporterà l’estinzione del debito che andremo ad accumulare nei successivi 20 o 30 anni. L’ammortamento è quindi utile per uno “studio di fattibilità” del nostro investimento (acquisto della casa?) che potremmo rapportare alle nostre capacità economiche (guadagno, spese, capacità a sostenere la spesa).
Per poter effettuare il calcolo e la redazione dell’ammortamento possiamo recarci nella stessa banca in cui pensiamo di chiedere il prestito: vi sono professionisti che redigono il piano per noi.

Cosa ci dice il piano di ammortamento
Dal calcolo dell’ammortamento, ossia da piano che avremo a disposizione, potremo conoscere l’entità delle singole rate, ossia dei pagamenti periodici, che dovremmo eseguire a favore del creditore (banca, finanziaria, Istituto di credito) per estinguere il nostro debito (riconsegnare il credito ricevuto). In base all’entità del prestito/mutuo e alle sue caratteristiche (tassi interesse, variabilità rate, ecc) questo documento ci dice con precisione:
1. la precisa entità di ogni rata scomposta per la quota di capitale sommata agli interessi;
2.  il capitale residuo dopo ogni singolo pagamento;
3. In caso di “interessi variabili”: dati riguardanti i soli periodi per cui c’è certezza di previsione. La banca può, comunque, decidere di offrire un calcolo ammortamento riguardante l’intera durata del mutuo, salvo impegnarsi a “correggere” e comunicare i nuovi dati in base alle variazioni dei tassi d’interesse.

Ti può interessare anche:  Mutuo a tasso variabile: come calcolare l'importo delle rate

Se vuoi conoscere come si calcolano gli interessi del mutuo approfondisci le informazioni.
E’ l’indicatore sintetico di costo a specificare tutti i costi di un mutuo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *