frazionamento mutuo

Frazionamanto Mutuo: quello che devi sapere

Quando ci interessiamo all’acquisto di una casa direttamente dall’impresa costruttrice è importante sapere che potremmo imbatterci in una richiesta di Frazionamento del Mutuo, ossia di un accollo del prestito. Ecco tutte le novità e le regola da conoscere sul Frazionamento Mutuo.

Frazionamanto Mutuo: quello che devi sapere

Per acquistare una nuova Casa, spesso, ci troviamo a trattare in prima persona con l’impresa che l’ha realizzata e in tali casi una pratica chiamata tecnicamente Frazionamento Mutuo subentra nelle operazioni di compravendita. In sostanza al cliente può essere chiesto l’impegno di “accollarsi” il mutuo che il costruttore ha acceso con una Banca evitando, così, di doverne richiedere un secondo.
Ma entriamo subito e meglio nei particolari del Frazionamento di un Mutuo.

Imprese, Banche e Mutui Edili

Comprendiamo rapidamente tutte le dinamiche che interessano il settore.
Un’impresa spesso, per realizzare nuovi nuclei abitativi chiede un prestito (mutuo edilizio) alla Banca che lo eroga per finanziare i lavori di costruzione.
L’impresa, però, inizia a versare alla Banca solo gli interessi che maturano sul prestito in quello che si chiama “periodi di pre-ammortamento”.
Quando, poi, iniziano le vendite delle unità abitative viene messo in campo il cosiddetto frazionamento Mutuo: in sostanza, la Banca effettua una scomposizione della somma prestata in tante parti quanti sono i nuclei posti in vendita e i clienti che decideranno di acquistarli si accolleranno la porzione di mutuo di riferimento. Ogni acquirente si troverà, comunque, ad avere il proprio mutuo a se intestato.

I Consigli per fronteggiare l’Accollo del Mutuo

In caso di Frazionamento Mutuo e di richiesta di accollo da parte della ditta costruttrice è bene comunque trovarsi informati e preparati per fronteggiare correttamente tutte le operazioni.
Vediamo, quindi, i consigli più preziosi:
1. Raccogliamo informazioni sul mutuo.
Discutendo anche con la Banca possiamo valutare se, date le caratteristiche del mutuo frazionato, non sia più vantaggioso aprirne uno nuovo adatto alle nostre “caratteristiche”
e capacità.
2. Analizziamo la suddivisione degli interessi effettuata dall’impresa.
Il costruttore, che nel frattempo ha pagato gli interessi alla Banca, non può pretendere la restituzione degli stessi dal cliente. Verifichiamo, quindi, che questo non accada.
3. Facciamoci subito comunicare l’ammontare da pagare che ci spetta in seguito al Frazionamento del mutuo.

Ti può interessare anche:  Rimborso Mutui: la Guida fondamentale

L’ipoteca

Prestiamo attenzione anche all’ipoteca che la Banca pone sull’intero edificio o complesso realizzato dall’impresa costruttrice. Se pensiamo, infatti, come l’Istituto ottiene un’unica ipoteca sull’insieme delle unità abitative realizzate, sorge spontaneo il problema di come questa possa essere cancellata in seguito al Frazionamento del Mutuo e al pagamento di ogni singola parte di mutuo.
Fino al 2008, infatti, l’ipoteca non poteva essere cancellata se non dopo il termine del pagamento di tutte le porzioni di mutuo.
Attualmente, invece, si applica la “cancellazione di quota di ipoteca frazionata” da parte dell’Agenzia del Territorio, come descritto nella circolare 2/2008.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *