taeg mutui

Indicizzazione Tassi Interesse Mutui

Indicizzazione Tassi Interesse Mutui

Indicizzazione Tassi Interesse Mutui

Quando bisogna richiedere un mutuo c’è bisogno di essere informati bene sui costi, le garanzie da offrire alla banca, l’ammortamento da calcolare in base ai tassi di interesse. Ma sai com’è regolata l’indicizzazione dei tassi di interesse dei mutui?

Iniziamo con una distinzione

L’indicizzazione dei tassi interesse mutuo diviene un fattore determinante solo per chi si affida ad un mutuo a tasso variabile, non fisso. Nel secondo caso, infatti, il cliente conosce già il tasso che sarà applicato alle sue rate per tutta la durata del mutuo. Il tasso indicizzato è generalmente consigliato a chi potrebbe permettersi di “affidarsi” all’andamento dei tassi e di scommettere su un suo calo nel tempo.

Come va l’indicizzazione

Alla base del concetto di indicizzazione dei tassi d’interesse c’è il modo in cui i tassi sono aggiornati al fine ricalcolare le rate mensili. Le banche fanno riferimento a tassi Eurirs, Euribor e BCE a cui applicano un’ulteriore aliquota di alcuni punti percentuale (2-3%), chimata spread, che rappresenta il guadagno per la Banca stessa e che il cliente affronta a sue spese.

Ma analizziamo i tassi di riferimento per l’indicizzazione dei tassi interesse mutui.

L’Eurirs è il tasso di riferimento per l’indicizzazione dei mutui ipotecari a tasso fisso. La sua gestione e aggiornamento è compito della Federazione Bancaria Europea che lo determina eseguendo una media di tutte le quotazioni a cui le banche presenti in Europa realizzano l’Interest Rate Swap. (può anche essere chiamato IRS)

Il Tasso Euribor, invece, è emesso dalla Federazione Bancaria Europea in base al calcolo di una media dei tassi a cui le Banche, in Europa, cedono i propri prestiti. E’ il tasso di indicizzazione dei mutui ipotecari a tasso variabile.

Ti può interessare anche:  Ritardo pagamento mutuo: quali le conseguenze

Infine il Tasso BCE, emesso dalla Banca Centrale Europea: questo è il tasso di cessione dei prestiti alle banche da parte, appunto, della BCE. È il riferimento per l’indicizzazione dei tassi interesse dei mutui ipotecari variabili.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *